Come lavare le scarpe antinfortunistiche?

Tutti abbiamo avuto questo dubbio almeno una volta! Come lavare le scarpe antinfortunistiche? Posso metterle in lavatrice? Si rovinano?
Ecco qualche consiglio su come tenere pulita la tua calzatura da lavoro, evitando di rovinarla e mantenendola al meglio.

Prima di tutto, facciamo un po’ di chiarezza:
non tutte le scarpe antinfortunistiche possono essere lavate in lavatrice.

Partiamo dalle basi: non tutte le scarpe antinfortunistiche possono essere lavate in lavatrice. Per questo motivo bisogna sempre prestare attenzione alle modalità di lavaggio specificate sulla confezione. Quindi no, buttare la confezione perché “tanto non mi serve” non è il metodo giusto.
Solitamente la prima cosa a cui è necessario prestare attenzione è il materiale della tomaia, che sembrerà strano ma è paradossalmente la parte più delicata dell’intera scarpa. Una tomaia rovinata non porta mai a niente di buono. Per chi non fosse pratico del gergo, la tomaia è la parte esterna della scarpa, che può essere di vari materiali. Nel caso delle scarpe antinfortunistiche si può avere una tomaia in pelle nabuk o pelle fiore (scarpa generalmente in S3/S2) oppure una microfibra o comunque un tessuto (scarpa generalmente in S1/S1P).
Nel primo caso di scarpe, si SCONSIGLIA FORTEMENTE di lanciarle nelle grinfie di una lavatrice. Basta prendere una spazzola bagnandola con un po’ di acqua e sapone delicato, e strofinare. Stesso discorso è valido per la suola, dove si consiglia l’utilizzo di uno spazzolino e tanta pazienza.
Nel secondo caso, una tomaia in tessuto potrebbe essere più adatta ad una lavatrice. Sottolineo potrebbe. Leggete la scatola.
Se la scatola acconsente all’utilizzo della lavatrice, ricordatevi di togliere lacci e soletta dalla scarpa prima di metterla a lavare.

Anche l’asciugatura è molto importante!

Una buona asciugatura previene la formazione di cattivi odori, ed è importante per non alterare le condizioni di sicurezza della scarpa.
Come abbiamo detto prima, la soletta va sempre estratta e lavata a parte, per evitare che si accumuli troppa umidità all’interno della scarpa.
E’ meglio far asciugare la scarpa all’aria aperta, evitando sole diretto, termosifoni o asciugatrici. Questo perché troppo calore potrebbe rovinare la scarpa e quindi obbligarvi a cambiarla.

Se questa curiosità ti è piaciuta, dai un’occhiata anche agli altri articoli!

#SicurezzainPillole – #1

Condividi:

Potersti essere interessato anche a: